Home Sassuolo La Canovi Coperture cede 3-0 contro Baronissi

La Canovi Coperture cede 3-0 contro Baronissi


Passo falso della Canovi Coperture Sassuolo, che inizia con una netta sconfitta il suo percorso nel girone salvezza: sul campo della P2P Givova Baronissi, la formazione neroverde cede 3-0 (25-22 28-26 25-16) al termine di una partita giocata tutta sottotono.
Cancellare e ripartire subito: domenica 17/02 a Sassuolo arriverà Olbia.

 

P2p Givova Baronissi 3 Canovi Coperture Sassuolo 0 (Parziali 25-22 28-26 25-16)

***

Sestetti tipo sia da una parte della rete che dall’altra: coach Barbolini si affida a Lancellotti in palleggio, in diagonale con Obossa, al centro Crisanti e Squarcini, in posto quattro Bordignon e Joly. Il libero è Zardo.

Coach Guadalupi risponde con Dall’Igna in palleggio, in diagonale con Dascalu, al centro Cecconello e Strobbe, in posto quattro Pistolesi ed Arciprete. Il libero è Ferrara.

 

Primo set

Primo set tutto a rincorrere per la Canovi Coperture Sassuolo, che va subito sotto 4-1. Coach Barbolini richiama subito le sue in panchina, ma Baronissi allunga ancora 9-6. Le neroverdi però non si arrendono e trovano il pareggio sull’11-11 con Joly. Si continua ora a giocare punto a punto, con le padrone di casa che provano a mettere la testa avanti e la Canovi che prontamente rientra, nonostante le difficoltà in ricezione ed attacco (18-16, 19-19). Le due formazioni si presentano al finale di set appaiate (20-20), ma poi Baronissi trova un allungo positivo e si porta avanti 23-21: coach Barbolini si gioca la carta doppio cambio, con Gatta e Galletti dentro per Lancellotti ed Obossa, ma le padrone di casa chiudono prontamente 25-21.

 

Secondo set

Parte meglio la Canovi Coperture, che con Joly ed Obossa allunga 2-4. La P2P però non ci sta e pareggia 5-5. Si procede ora punto a punto, poi Sassuolo mette la testa avanti con Squarcini (8-9). Cambio tra le fila sassolesi, con Gatta dentro per la troppo fallosa Obossa. Sassuolo allunga ancora (11-13) ma Baronissi pareggia nuovamente con Dascalu (15-15). Crisanti e compagne però non ci stanno ed allungano ancora (18-20). Con Squarcini, la Canovi trova il massimo vantaggio (19-23): quando tutto sembra ormai fatto per le sassolesi, Baronissi pareggia (23-23) e va al setball. Gatta annulla (24-24), ma al quarto setball le padrone di casa chiudono e si portano sul 2-0.

 

Terzo set

Sotto 2-0 nella conta dei set, Sassuolo continua a soffrire il gioco delle padrone di casa e va subito sotto 8-3. Sul 9-5 campano, Coach Barbolini rimanda in campo Obossa per Gatta, ma la situazione non cambio: Baronissi continua a giocare forte e si porta sul 13-7. Con Squarcini, Sassuolo prova a rifarsi sotto (13-10) ma la P2P allunga ancora (17-11) trascinata da una Dascalu in grande spolvero. Sempre l’opposta campana mette a terra la palla del 20-12. In casa Canovi, la luce è ormai spenta e le padrone di casa allunga ancora 22-14. Finisce 25-16, con Baronissi che si aggiudica il match 3-0 e raggiunge Sassuolo in testa al girone.

A fine partita, questo il commento di coach Barbolini: “Questa è stata per noi una settimana molto particolare, sia per le grandissime emozioni che la vittoria della Coppa Italia ci ha dato, sia per una serie di problemi fisici che ci hanno colpito: Lucia (Crisanti ndr) ha avuto la febbre alta per alcuni giorni e oggi Joly è stata poco bene.

Oggi abbiamo fatto tanta tanta fatica e non posso salvare nessuna delle mie: abbiamo perso per strada quell’entusiasmo che ci ha accompagnato per tutta la settimana e oggi eravamo scarichi, più a livello mentale che fisico”.

“In settimana ci siamo allenati bene e questo faceva ben sperare, o comunque non faceva pensare ad un esito così netto – continua Barbolini – ma oggi abbiamo fatto davvero tanto fatica a livello mentale e, a differenza di altre partite, nessuna è riuscita a suonare la carica: dall’altra parte della rete, abbiamo trovato una buona squadra, che ovviamente quando ci ha visto in difficoltà ha giocato ancora più forte. A noi oggi sono mancate tutte nostre certezze e abbiamo faticato un po’ in tutti i frangenti: nulla è perso ma spero che l’esperienza di oggi serva per tornare in palestra martedì più decisi che mai”.