» Bassa modenese

Donati a Mirandola quattro abeti del Friuli Venezia Giulia


Si rinnova il rapporto di Mirandola con la comunità del Friuli Venezia Giulia che tanto ha contribuito alla rinascita della città dei Pico dopo il sisma del 2012. Anche quest’anno gli abeti che allieteranno le festività mirandolesi sono arrivati grazie alla Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con l’Unione Corpi Pompieri Volontari del Friuli Venezia Giulia (Corpo Pompieri di Valbruna), che li ha tagliati.

Gli abeti sono stati donati da un privato cittadino di Valbruna che ha deciso di destinare i suoi alberi, anziché alla segheria, alla città di Mirandola, come segno di amicizia, nel solco della tradizione altruistica tipica delle genti della montagna friulana. Gli abeti donati a Mirandola sono aumentati nel tempo: uno nel 2012, posizionato davanti al Campo Friuli 1, quattro quest’anno. Le piante sono state collocate in via Giolitti (di fronte al municipio), in piazza Costituente (nei pressi della Chiesa della “Madonnina”), alla scuola elementare di Quarantoli (ricostruita anche con contributo di un milione di euro della Regione Friuli Venezia Giulia) e al Nido “Il paese dei balocchi” di via Poma. A curare le operazioni di trasporto e collocazione degli alberi sono stati Mario Pugnetti e Paolo Band, funzionari della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia.

L’Amministrazione comunale di Mirandola ringrazia la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, il cittadino che ha donato gli abeti e i Pompieri volontari per questa iniziativa, che conferma come l’attenzione e l’affetto nei confronti della cittadinanza emiliana non siano venuti meno da parte di chi è stato in prima linea per soccorrere le popolazioni colpite dal terremoto del 2012.

Altri due alberi, sempre donati dalla Comunità di Valbruna, sono stati consegnati dalla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia a Sarnano (Macerata), Comune del Centro Italia colpito dal sisma del 2016, in cui è stata realizzata la scuola d’infanzia Benedetto Costa, diventata un simbolo della ricostruzione. L’asilo è stato costruito a tempo di record, in soli 116 giorni ed è costato 2,1 milioni di euro. Un’opera realizzata grazie anche alle donazioni della popolazione del Friuli Venezia Giulia, che ha dato il proprio contributo pari a 600 mila euro. La costruzione di questa scuola è un omaggio all’operosità, alla determinazione e alla solidarietà di tutto il Friuli Venezia Giulia.

 

 




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2017 · RSS PAGINA DI MODENA · RSS ·
• 15 query in 0,584 secondi •