» Appennino Modenese

A breve il restauro delle ex Colonie del Forte di Sestola


Il Forte Estense di Sestola sarà presto restaurato e valorizzato con l’ambizione di diventare un elemento di forte attrazione dal punto di vista turistico-culturale. Le mura, l’oratorio di S.Nicolò, l’edificio della Colonia e il fabbricato Impero saranno oggetto di intervento grazie a un finanziamento di 2.306.980 euro del Governo (fondi Cipe – Comitato interministeriale per la programmazione economica) nell’ambito del progetto Ducato Estense. Le procedure di gara per l’affidamento dei lavori saranno espletate nei prossimi mesi e che il cantiere sarà inaugurato entro l’estate 2018.

Il Comune di Modena, proprietario del forte dal 1950 attraverso l’Eca (Ente comunale di assistenza), è inoltre in attesa della pubblicazione della graduatoria relativa al bando della Regione Emilia Romagna del Psr 2014-2020, misura 7, cui ha partecipato richiedendo un contributo di 388.800 euro per il recupero dell’ex casa di guardia, già canonica, del castello di Sestola (ex corpo di guardia).

Entrambi i progetti di riqualificazione del Forte Estense di Sestola saranno presentati pubblicamente nel corso di un convegno dal titolo “Nuovi progetti per il Forte Estense di Sestola. L’avvio del programma di recupero del patrimonio storico come contributo allo sviluppo turistico culturale della montagna nel territorio dell’ex Ducato Estense”, in programma venerdì 13 ottobre dalle 14.30 alle 19, nella sala conferenze dell’ex Osteria presso il Forte di Sestola in via Della Rocca. Il convegno è organizzato dal Comune di Modena, proprietario del Castello di Sestola, insieme a Mibact – Segretariato regionale per l’Emilia Romagna, Comune di Sestola, all’associazione culturale “E’ Scamàdul”, all’Accademia del Frignano “Lo Scoltenna” e all’Ordine degli Architetti della Provincia di Modena.

Con il finanziamento del Governo per il progetto Ducato Estense verranno effettuati interventi di restauro e consolidamento volti alla conservazione del bene, in buona parte inagibile, ma anche alla sua valorizzazione con un progetto unitario di recupero finalizzato a trasformare il castello in attrattore turistico-culturale per un ampio territorio, che includerà più province e regioni. Con l’intervento, il castello di Sestola, che fa parte del circuito dei Castelli e dei Musei della provincia di Modena, dei luoghi della memoria della “Linea Gotica”, sarà visitabile e fruibile tutto l’anno, con opportunità di permanenza per gli ospiti, e ne verrà assicurata la conservazione. Sono previsti interventi che riguardano la ricostruzione e il consolidamento delle mura dei bastioni e la sistemazione del verde di piazza d’Armi, il restauro dell’oratorio di S. Nicolò, il consolidamento del grande fabbricato della Colonia, il completamento dell’intervento sul fabbricato Impero, anch’esso ex colonia, con la sistemazione interna per la funzione di ospitalità e ristorazione per visitatori, annessa agli spazi per convegnistica e formazione con la riapertura del collegamento alla palazzina del Comandante e Osteria già recuperati nel 2008.

L’intervento per il quale l’Amministrazione è in attesa di esito rispetto alla possibilità di contributo da Psr 2014-2020, riguarda il risanamento conservativo con recupero funzionale per centro di accoglienza turistica, servizi culturali, aggregazione per lo sport e il tempo libero del fabbricato ex casa di guardia, già canonica, del castello di Sestola. Questo finanziamento renderebbe possibile intervenire sull’unica porzione del Forte di Sestola che, per ragioni di budget, era rimasta esclusa dall’intervento più complessivo nel quadro del finanziamento Ducato Estense. Nell’edificio è prevista la collocazione delle funzioni di accoglienza turistica, servizi culturali, servizi per lo sport e il tempo libero, servizi per l’igiene della persona e bagni. Se verrà concesso il finanziamento, l’intervento dovrà essere concluso e rendicontato entro 18 mesi, con avvio del cantiere nel 2018 e conclusione nei primi mesi del 2019.

UN CONVEGNO SUI PROGETTI DI RECUPERO

Sarà introdotto dagli interventi di Luciana Serri, consigliera dell’Assemblea legislativa e presidente Commissione II della Regione Emilia-Romagna, e di Sabina Magrini, segretario regionale Mibact per l’Emilia Romagna, il convegno “Nuovi progetti per il Forte Estense di Sestola” in programma venerdì 13 ottobre nella sala conferenze dell’ex Osteria presso il Forte di Sestola, in via Della Rocca.

Alle 15.00 dopo la registrazione dei partecipanti e il saluto del sindaco di Sestola Marco Bonucchi e dalla presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Modena Anna Allesina, in particolare, Serri parlerà de “L’impegno della Regione Emilia-Romagna per la valorizzazione turistico-culturale dell’Appennino” e Magrini del tema “Tra rocche, delizie e piazze: l’avvio del cantiere Estense”.

Alle 15.30 i lavori entreranno nel vivo con l’approfondimento “Il Forte Estense di Sestola tra storia e progetto”, sotto la presidenza dell’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Modena Gabriele Giacobazzi, con gli interventi di Federica Badiali, geomorfologa e vicepresidente dell’Accademia “Lo Scoltenna” su “Le fortezze di Marco Antonio Pasi. I progetti di un cartografo itinerante”; Gionata Magnani, presidente dell’associazione culturale “E’ Scamàdul” su “Sestola: 500 anni di Governo Estense”; Giovanni Cerfogli, progettista del Comune di Modena, su “Progetti per il recupero architettonico e funzionale del complesso ex colonia “Impero”, Casa di Guardia e restauro dell’oratorio di San Nicolò – conservazione e nuovi usi per la cultura e il turismo”; Paolo Ferrari, progettista incaricato del Comune di Modena, su “Progetti di conservazione strutturale dell’ex Colonia e dei Bastioni – quale futuro?”; Michele Pagani, conservatore di Beni culturali, professore a contratto dell’Università degli studi di Bologna, facoltà Conservazione e restauro beni culturali, Campus di Ravenna, su “I due volti del Rinascimento, tradizione e rinnovamento nelle correnti artistiche in area centro appenninica; gli affreschi della chiesa di San Nicolò”.

Alle 18, dopo una pausa, è prevista una tavola rotonda dal titolo “Un futuro per il passato: nuovi scenari per il Forte di Sestola” condotta da Federica Galli, giornalista di Trc. Alla tavola rotonda parteciperanno Paolo Credi, collezionista e operatore culturale, consigliere di amministrazione di “Fondazione Modena Arti Visive”; Marisa Burchi, assessora alla Cultura del Comune di Sestola, Antonio Capasso, presidente della cooperativa Girasole Modena; Matteo Tini, presidente Asd Cimone bike center Sestola; e Luciano Magnani, presidente Consorzio stazione invernale del Cimone. A concludere i lavori, intorno alle 18.45, sarà il sindaco di Modena e presidente della Provincia Gian Carlo Muzzarelli.

A seguire nella Corte delle ex Colonie e negli edifici di progetto sarà allestita una installazione audiovisiva di light art dal titolo “Shadow light” a cura di Sabrina Bastai e nella sala del Camino della Rocca si terrà un aperitivo.

È previsto un servizio navetta dal centro di Sestola con partenza da piazza Passerini-corso Libertà 96, dalle 14.30 alle 15.30 e dalle 18 alle 19.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2017 · RSS PAGINA DI MODENA · RSS ·
• 16 query in 0,573 secondi •