» Bologna - Cronaca

Bologna: scarcerato titolare agenzia che forniva documenti falsi

Erano finiti agli arresti domiciliari con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa continuata e aggravata sia ai danni di cittadini immigrati in cerca di un permesso di soggiorno che dello Stato. Ma il Tribunale del riesame di Bologna, presieduto dal giudice Franco Raffa, ha rimesso in liberta’ Gianluca Re, di 35 anni, bolognese, titolare dell’agenzia che si occupava del disbrigo delle pratiche e il procuratore legale Maria Antonietta Felicissimo, bolognese di 37 anni, sua consulente.


Secondo il pm Stefano Orsi della Procura felsinea l’associazione, che aveva l’ufficio a due passi dalla Questura, reclutava immigrati ai quali veniva fraudolentemente prospettata la possibilita’ di ottenere la regolarizzazione in Italia. Oltre ai due, scarcerati, ci sono altri 18 indagati nell’inchiesta partita il 26 novembre del 2003 dopo la segnalazione di una giovane filippina all’ufficio immigrazione.


Tra gli indagati ci sono anche due poliziotti, accusati di corruzione in concorso. Si tratta di un sovrintendente di 44 anni dell’ufficio passaporti, che avrebbe ricevuto somme di denaro per compiere interrogazioni sui precedenti di polizia di cittadini extracomunitari interessati alle regolarizzazion, e di un agente ausiliario, di 24 anni, addetto al servizio di registrazione del call center degli appuntamenti per le pratiche per il permesso di soggiorno. Secondo l’accusa, quest’ultimo avrebbe ricevuto denaro, ma anche prosciutti e salami, per privilegiare alcuni immigrati facendo ottenere appuntamenti in via urgente e accelerando cosi’ i tempi delle pratiche. Ci volevano dai 2.500 ai 3.000 euro per un permesso di soggiorno, mentre ne bastavano 50 per scalare la fila dei call center.



Molto spesso, poi, secondo l’accusa, ai soldi pagati non corrispondevano i documenti tanto agognati. Il tribunale delle Liberta’ ha accolto la tesi dei difensori, l’avvocato Matteo Murgo per Re e l’avvocato Nicola Cavarretta per Felicissimo, facendo cadere l’associazione per delinquere e facendo venire meno le esigenze cautelari in quanto si tratta di fatti datati.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2005 · RSS PAGINA DI MODENA · RSS ·
• 14 query in 0,294 secondi •