Home Modena Modena: strada Cognento chiusa al traffico sino al 30/9

Modena: strada Cognento chiusa al traffico sino al 30/9


Da lunedì 8 agosto fino al 30 settembre verrà chiuso al traffico un tratto di circa 1.200 metri della Strada Cognento, per destinarlo prevalentemente, in fase sperimentale, all’uso ciclabile. Nel dettaglio, è previsto il divieto di circolazione su Strada Cognento, nel tratto compreso fra il cinema Raffaello e il sottovia alla Modena-Sassuolo, eccetto che per i residenti, i veicoli diretti alle attività e cicli e ciclomotori; nello stesso tratto, viene anche posto il limite di velocità di 30 km/h.

Sarà inoltre chiusa la circolazione nel sottovia alla Modena-Sassuolo, in entrambi i sensi di marcia, eccetto che per i cicli e ciclomotori. Sarà anche attivato il senso unico di marcia su Strada Cognento in direzione del centro abitato della frazione, nel tratto fra il sottovia alla Modena-Sassuolo e l’intersezione con Via D’Avia sud, eccetto che per i residenti, i veicoli diretti alle attività e cicli e ciclomotori.

L’iniziativa risponde a precise richieste da parte della Circoscrizione n° 4 e dei cittadini, con l’obiettivo di garantire maggiore sicurezza per ciclisti e pedoni – oltre che per gli stessi automobilisti – lungo una strada di larghezza relativamente limitata, percorsa da numerosi veicoli spesso a velocità pericolosa. L’intervento, inoltre, consentirà di sperimentare un nuovo collegamento ciclabile fra le frazioni e il centro città, come richiesto da numerosi cittadini nel corso delle assemblee, collegando la rete di piste già esistenti. L’eventuale, definitiva conferma del percorso ciclabile di Cognento, sarà decisa a conclusione del periodo di chiusura.

Il progetto di Cognento rientra nell’ambito delle politiche di promozione delle modalità di spostamento ecologiche, sostenute dalla Circoscrizione, in particolare per quanto riguarda la sicurezza, la messa in rete ed i collegamenti con le frazioni, con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’ambiente e degli stili di vita in città recuperando – nel caso specifico – uno dei più classici collegamenti fra il Duomo e il Santuario di Cognento.